Come organizzare un matrimonio

Sotto l’albero c’era una scatolina piccolina con sopra il tuo nome, pensavi fosse il ciondolo che avevi visto qualche giorno prima passeggiando con il partner, invece al momento di aprirlo lui si inginocchia e tu inizi a piangere. Molti di voi hanno sognato il giorno del loro matrimonio per tutta la loro vita, alcuni di voi invece non hanno mai nemmeno pensato a sposarsi, ma quanti hanno mai pensato all’organizzazione del giorno del matrimonio? Adesso hai accettato la proposta ed è il momento di mettersi all’opera e fare i conti con la realtà: organizzare un matrimonio non è semplice, non è per tutti e ci sono tantissime variabili alle quali non avevi minimamente pensato. Davanti a te hai due strade il fai da te o affidarsi ad un professionista.

Sono una wedding planner e sicuramente il mio consiglio è quello di affidarsi ad un professionista, ma vi dirò di più dal mio punto di vista il wedding planner è la prima persona da chiamare, prima ancora di pensare ad organizzare le nozze, questo perché affidandovi sin dal principio vi permetterà di risparmiare fin da subito tempo, denaro e stress. Molti sposini mi chiamano quando hanno già definito alcuni aspetti delle loro nozze e poi si sono ritrovati con un budget che non tornava o semplicemente con un carico di stress che non erano più in grado di sostenere. A tutto c’è rimedio e trovare una soluzione è il nostro lavoro ma perché cercare la soluzione ad un problema che si può prevenire? Chiamate un professionista, fatevi una chiacchierata e sarà lui ad offrirvi alternative che incontrano o superano le vostre aspettative e il budget!

Se invece pensate che dedicarvi all’organizzazione del matrimonio da soli è esattamente quello che volete fare e in caso di emergenza rivolgervi ad un professionista allora la prima cosa da fare è sedervi con il vostro partner e capire se sarà un lavoro al 50% ciascuno o se uno dei due si occuperà in via esclusiva o principale dell’organizzazione. Convinti? Bene! è il momento di prendere un foglio e iniziare a fare i calcoli: calcolate il budget o a vostra disposizione o che pensate possa essere adeguato a realizzare il sogno che avete in mente, perché potrebbero non coincidere. Altro calcolo necessario è il numero degli ospiti. Decidete chi invitare e se sarà presente solo alla cerimonia o anche al ricevimento.

A questo punto abbiamo bisogno di percorrere due strade parallele: la burocrazia, informarsi presso comune o consolato o chiesa su quali siano gli step da seguire in base al rito che preferiamo, e cercare la location. Sulla ricerca della location si apre un vaso di pandora in cui coincidono talmente tante variabili e gusti personali che non basterebbe tutto l’articolo. Iniziate comunque a capire quale stile, area e capienza vi interessa.

Ora che avete location e piano burocratico deciso, è il momento di concentrarsi sia sui vari aspetti che coinvolgono i protagonisti e gli ospiti: quindi abiti ed eventuale cambio d’abito, fedi e  accessori, trattamenti, abiti damigelle; e soprattutto iniziare a pensare alle partecipazioni o almeno ad un save the date; sia sui vari aspetti della giornata: menù o catering, allestimento, fiori, decorazioni, tema, fotografo, stationary, illuminazione, intrattenimento, musica, angoli divertenti, pianificazione del time table, spostamenti, alloggio e transfer, intrattenimento bimbi, photo booth e guest book e a mille altre dettagli che vi verranno in mente durante l’organizzazione ma che non potrete trascurare.

Il consiglio più importante è che la riuscita dalla giornata dipende da due elementi importantissimi: Voi! Il vostro amore e la vostra personalità dovrà essere protagonista della giornata e trasparire nei dettagli per rendere il vostro giorno unico e memorabile. Una buona organizzazione minimizzerà gli imprevisti e voi sarete liberi di godervi il vostro giorno e il vostro amore condividendolo con gli invitati!

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *