MATRIMONIO INVERNALE: WHY NOT?

Molto spesso sentiamo parlare della “stagione dei matrimoni”, che, più o meno, va da maggio a settembre in corrispondenza dei mesi primaverili ed estivi quando le giornate sono più lunghe, il clima è più mite e le piogge sono più rare (o almeno dovrebbero).

Tuttavia, questa affermazione poteva essere calzante anni fa, quando le condizioni meteo erano più stabili, per cui, nulla ci garantisce che pur sposandoci a giugno potremo beneficiare di una giornata tersa e calda.

Bisogna anche precisare che, essendo la “stagione dei matrimoni” quella più gettonata, se vorrete convolare a nozze in determinate chiese o locations, particolarmente sceniche e rinomate, dovrete organizzarvi con largo anticipo, magari anche con l’ausilio di professionisti del settore, quali competenti weddings planners.

Per cui, perché non optare per un matrimonio da ottobre ad aprile? Sicuramente l’organizzazione sarà molto più semplice, ed in alcuni casi sarà possibile anche un buon risparmio.

I miei genitori si sposarono l’8 dicembre, e vi assicuro (almeno così si evince dall’album) che la giornata era davvero meravigliosa, con un bel cielo azzurro ed un sole caldo.

Sovente, le future spose evitano questi mesi proprio per il freddo e per consentire anche agli invitati di avere un outfit più semplice, è chiaro che un tubino e un sandalo a dicembre siano inadeguati, ciò nonostante, esistono davvero molti correttivi e buone soluzioni per combattere il freddo, peraltro alla portata di tutti.

Per la sposa: un dato che spesso si trascura è che gli abiti da sposa, per forza di cose, anche i più semplici, hanno molti strati, pertanto, è davvero difficile che una sposa abbia freddo, anzi nei mesi estivi, il problema è l’opposto.

Il correttivo? Negli atelier a seconda della stagione vi è un ampio ventaglio di proposte, dove le linee base si susseguono costanti, ma cambiano i tessuti, talvolta più preziosi e pesanti, il tutto senza contare la possibilità di abbinare boleri, stole di pelliccia, mantelle accessorio cult di questa stagione, guanti, i quali vi permetteranno di scaldarvi ma con praticità e charme.

Per le invitate: parlo principalmente di donzelle in quanto per l’uomo la scelta dell’outfit non è mai problematica, sarà sufficiente indossare un completo più pesante, magari misto lana, accompagnato da un cappotto, e perché no, da una sciarpa di cachemere.

Le invitate invece non si devono spaventare perché anche per loro le possibilità sono molte, chiaramente si dovranno abbandonare i toni accesi come verdi, gialli, arancioni, turchesi, tonalità che, d’altra parte, con un incarnato eburneo non valorizzerebbero neppure Nicole Kidman.

ph.Studio Photos’s

I colori must restano: rosa cipria, blu, verdone, grigio, rosso mattone, bronzo, gli azzurri (ma solo in declinazioni tenui) ed infine il nero, purchè spezzato con altre tinte.

I tessuti? Beh questa stagione vede sicuramente protagonisti i velluti ed i broccati, basta deliziarsi con la collezione party di Atelier Emè, dove i velluti la fanno da padrone.

Un ulteriore aiuto per completare la mise?  Indossiamo giacchine e boleri di eco pelliccia, sicuramente caldi e morbidi, o maxi cappotti di tessuti pregiati come gli intramontabili di Max Mara, che completeranno l’outfit in modo avvolgente ed elegante.

Insomma, ad un’analisi più approfondita, scopriamo che il matrimonio in autunno- inverno ha molti più vantaggi di quanti se ne possano pensare.

 

Leave a Comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *